Il Conte del Grillo alla prova dell’umiltà e determinazione promesse al Parlamento — I graffi di Francesco Damato

Onda Lucana

 Giuseppe Conte ha promesso al Senato, chiedendone e ottenendone la fiducia come antipasto di quella in arrivo dalla Camera, “umiltà e determinazione”.

            L’umiltà, mista alla furbizia, il professore e avvocato Conte l’aveva già dimostrata nella cerimonia della campanella a Palazzo Chigi. Quando, rimasto solo davanti alle telecamere dopo il commiato del predecessore Paolo Gentiloni, aveva chiamato a sé i due vice presidenti del Consiglio, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, in ordine alfabetico e di voti presi nelle urne, per condividere la festa e ringraziarli di averlo concordemente scelto a rappresentare i loro partiti alla guida del governo.

             I due non se lo erano lasciato chiedere due volte, precipitandosi al suo fianco per dirgli “prego”, ma Salvini a sua volta trascinandosi poi, per la foto finale di gruppo, il nominando sottosegretario leghista alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti. Che da solo, anche per…

View original post 646 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: