Marz — Onda Lucana

Marz Tratto da:Onda Lucana® by Rocco Cillotto Viend e tmbest, sembr quas na fest, S nun foss ca la voria t tras da’ r dhoss. Sopa r piand eglia’ nat la staggion ri i fiur, ma i pipl rormn sotta la terr e aspettn i prim sul. Eglia’ na cundann su marz ciuot ca nun... Continue Reading →

Annunci

Ovini al pascolo…

Onda Lucana

Ovini al pascolo…

(Le belle immagini della Lucania)

Tratto da:Onda Lucana® byAntonio Morena

Terra di Lucania …..in eterno movimento con i suoi ovini in bella mostra al pascolo, come decanta il poeta; le pecore, mansuete e nel contempo divoratrici….

Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana®by Pina Chidichimo 2019 Pecore al pascoloImmagine tratta da repertorio di Onda Lucana® by Pina Chidichimo 2019

“Le pecore, queste miti creature, alle quali basta solitamente così poco cibo, stanno diventando talmente voraci ed aggressive, a quel che ho appreso, da divorare persino gli uomini. Ingoiano campi, case, città. In tutte le regioni del regno nelle quali si produce una lana più fine, quindi più costosa, nobili e proprietari terrieri – e perfino alcuni abati, nonostante la loro santità – si danno da fare per recintare le terre e destinarle al pascolo, impedendone la coltivazione.

Così, non bastando loro le rendite e i prodotti che gli avi ricavavano dai poderi, e non sentendosi sufficientemente appagati dal…

View original post 61 altre parole

L’attimo della purezza

Onda Lucana

L’attimo della purezza

Tratto da:Onda Lucana® by Angelo Ivan Leone-Docente di storia e filosofia presso Miur

Il momento in cui mostriamo quello che siamo veramente. Ecco come potrebbe essere riassunta questa lirica. Si celebrano quei pochi istanti, magari un attimo solo in cui noi mostriamo l’essere puro che è in noi, il bambino, quell’essere incorrotto e incorruttibile. Tutto è rappresentato da quella invocazione, disperata ricerca sottesa nella lirica, di un amore che non si riesce a trattenere e che si ha timore di perdere. Ed ecco che il sacro che è in noi fuoriesce appena abbiamo abbassato la guardia alta, troppo alta, magari altissima che portiamo.

Anche perchè una guardia così alta ci impedisce di guardare il bello che è nel mondo e di stupircene, ancora. Così l’urlo di disperazione e di amore alla fine che celebra, in un colpo solo, questo nostro momento storico ed esistenziale, in…

View original post 86 altre parole

Come assemblare Marx con Keynes?

Onda Lucana

Come assemblare Marx con Keynes?

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo

Karl Marx e John Maynard Keynes sono evocati spesso a sinistra: dalla loro sintesi forse nascerà l’alternativa del XXI secolo al neoliberismo imperante. Eppure si trattano di due economisti in profondo conflitto tra loro: come potrebbe uscirne qualcosa di unitario?

La sinistra è da sempre stata socialista (cioè anticapitalista, tesa al superamento dell’attuale sistema economico) o socialdemocratica (ovvero convinta della necessità di correggere l’attuale sistema anziché sostituirlo con un altro). Uccidere o fasciare il libero mercato sono soluzioni strutturalmente diverse. Ciononostante nella pratica il compromesso socialdemocratico ha finito per sedurre numerosi partitini della sinistra socialista e comunista.

52857894_623390178103844_4532822262729932800_n.jpg

La democrazia non è compatibile con le rivoluzioni, violente o meno che siano. E soprattutto Karl Marx è stato più un analista che un programmatore, più bravo in diagnostica che in farmacologia. Perciò tutti i partiti ispirati dalla democrazia parlamentare…

View original post 195 altre parole

DESIDERIO DI SOGNARE

Onda Lucana

DESIDERIO DI SOGNARE

Tratto da:Onda Lucana ®by Antonio Lanza-Pescopagano (pz)

Io t’ho vista, tu dormivi, io versavo le mie lacrime ti parlavo non mi sentivi

e non mi dicevi svegliami.

Un solo sguardo al cielo non entrava nella stanza, il tuo corpo sotto un velo,

io invocavo la speranza.

Un solo attimo e un bacio, poi sono sceso nel cortile e menavo il passo adagio

volevo te, mi sentivo male.

Ho smesso di piangere, l’anima volava indietro sul mio cuore una pietra

e tanta forza per correre.

La porta era già chiusa, tutti inutili i miei lamenti, nell’angolo della chiesa

sfogavo i miei tormenti.

L’hai ripetuto mille volte non devi piangere per me, io ti amo e per una volta,

lasciami piangere per te.

Morire è la nostra sorte, come posso dirti va bene, ora mi separano le porte

e starò qui fino a domani.

La tua anima così…

View original post 67 altre parole

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: