Dedica di un padre al proprio figlio, di Vittorio di Mauro

anziano-solo
immagine tratta dal web

Visto che in molte famiglie, ad un certo punto della vita, i figli cresciuti con amore e dedizione, rispondono all’affetto dei propri genitori trascurandoli , voglio dedicare a tutti questa mia libera traduzione in napoletano di:
DEDICA DI UN PADRE AL PROPRIO FIGLIO

Si nu juorno me vedarraje viecchio: si me spòrco quanno magno e nun riesco a mme vestì tiène paciénza. Arricordete ‘o tiémpo c’aggio passato a te ‘mparà.
Si quanno parlo cu’ ttico ripeto sèmpe ‘e ssócce cose nu mme spezzà sienteme. quanno ire piccerillo aveva raccuntarte ògne sera ‘a sóccia storia finche’ nun t’addurmive. Quanno nun voglio lavarme Nun biasimarmi e Nun farme mettere scuórno arricurdate quanno aveva correrte Arèto ‘mmentanno d’ê scuse pecché nun tevulive fà ‘o bagno.
Quanno vide ‘a ‘gnuranza mia p’’e tecnologgie nòve , damme ‘o tiémpo necessario e nun mme guardà cu chella resella ironica. Aggio avuto tutt”a paciénza pe’ te ‘mparà l’abc, Quanno a nu sicuro punto nun riesco a m’rricurdà o perdo ‘o filo d”o descùrzo damme ‘o tiémpo necessario p’ arricurdà e si nun ce riesco nun te ‘ntussecà …’a cosa cchiù ‘mpurtante nunn’è cchello ca dico ma ‘o bbesuógno mio d’ èssere cu’ ttico e avverti ca me siente.
Quanno ‘e gamme meje stracque nu mm”o cunzenteno ‘e tenè ‘o passo tujo nun trattarme cómme fosse nu piso . viene vérzo ‘e me cu ‘e mmane toje forte â stessa manèra comm’ i’ l’aggio fatto cu’ ttico quanno muvive ‘e prìmme passe.
Quanno dico ca vurria èssere muórto nun te ‘nquartà nu juorno caparraje. che ccosa me votta a dirlo. Cirche ‘e capì ch’â ll’aità mia nun se campa. se sopravvive.
Nu juorno scuprarraje ca nonostante ll’errore mieje aggio sempe vuluto ‘o mmeglio pe’ tte e aggio tentato ‘e te schianà ‘a strata. Damme nu poco t’’o tiempo tujo, damme nu poco ‘e pacienza toja, damme na spalla addò pozzo appujà ‘a capa, ô stesso modo ‘e comme aggio fatto pe’ tte.
Aiuteme a cammenà, aiuteme a ffernì ‘e juorne mieje cu ammore e pacienza a ccagno te darraggio nu surriso e ll’ammore immenso ch’aggio sempe avuto pe’ tte.
Te voglio bbene figliu mio e prego pe’ tte pure si nun me pienze.
by Vittorio di Mauro

 

Annunci

3 risposte a "Dedica di un padre al proprio figlio, di Vittorio di Mauro"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: