A culazion du zappator

Onda Lucana

A culazion du zappator

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Nu stuezz d p’n do tascapp’n

p’m’dor str’ngiut

ricch d s’mment,

ngun alij s’cch’t

chijd arr’zz’t

i men am’r!

U curdijdd che taghij

u p’n a stozz’r

cud chijn d s’mment.

Ogni tant nu muezz’ch

a nu stuezz d furmagg

gelosament arr’p’t

ier tutt insaporijt

da nu gnutt d mijr.

M piasc’v v’dij

u capur’l mangij.

Che nu uagnun,invec,

na fedd d p’n e p’mm’dor

str’giut sop

u scuerz che companat’ch

quatt v’ccun e f’rn’v a colazion!!!

La colazione dei braccianti

Un pezzo di pane dal tascapane,

pomodori spremuti,

ricchi di semi,

qualche oliva secca

quelle aggrinzite

le meno amare!

Il coltellino per tagliare

il pane a tocchetti

quello impregnato di semi.

Ogni tanto un morso

a un pezzetto di formaggio,

gelosamente custodito!

Era tutto insaporito

da un sorso di vino.

Mi piaceva vedere

il caporale mangiare.

Per noi ragazzi…

View original post 39 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: