A VUL’MIJ

Onda Lucana

A VUL’MIJ

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Tutt a nott a p’nsij

o panarijdd e a forb’c

ca ier a sci a vul’mij

m l’er ditt tatij a s’r

uagliò pr’par’t che crematin

a v’nì che nu a vul’mij

m s’nt’v chiù grann

u pan’r e a forb’c

pront che taghij

ched’uva ner

ca t fasc’v app’z’chij i m’n

u prim pan’r

u secondo chijn a culm

u prim tijn iè chijn

i femm’n cant’n

i canzun antich

po u fijsch d tatij

tutt a f culazion

p’n,pumm’dor e r’cott fort

e na vepp’t o fiasch

chijd chiù grann

I uagnidd e i criatur

nu picch d’acquj do cuch’m

f’rnut d mangij

s tor’n a v’lumij

A Vendemmiare

Tutta la notte a pensare

al cestino e la forbice

che dovevo a vendemmiare

me l’aveva detto mio padre la sera:

ragazzo preparati che domani

devi venire con noi a vendemmiare

View original post 84 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: