Penne con rucola pomodorini e parmigiano

Onda Lucana

Penne con rucola pomodorini e parmigiano

Tratto da:Onda Lucana® by Roberto Pomarico

Ingredienti per 2 persone:

  1. – 150 grammi di penne;
  2. – 10 pomodorini;
  3. -100/150 g di rucola;
  4. – 1 spicchio d’aglio;
  5. – parmigiano grattugiato;
  6. – olio extravergine di oliva.
  7. – peperoncino (facoltativo)
  8. – sale.

Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana ®by Roberto Pomarico 2018.jpg Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana® by Roberto Pomarico 2018

Preparazione:

Mettete 3 cucchiai di olio in una padella ,unite lo spicchio ,i pomodorini lavati e tagliati a metà, la rucola, un pò di sale e lasciate cuocere per una decina di minuti,intanto, fate cuocere le penne in abbondante acqua ,salata al punto giusto.

Quando saranno al dente, scolatele, versatele nella padella del sugo preparato , aggiungete una spolverata di parmigiano e del peperoncino se lo gradite; fate saltare a fuoco vivace per qualche secondo, giusto il tempo di far amalgamare il tutto.

Mettete nei singoli piatti e servite subito.

Tratto da:Onda…

View original post 4 altre parole

Terra Lucana

Onda Lucana

Terra Lucana

Tratto da: Onda Lucana® by  Emilio Basta da Venosa

(DIALOGO)

In questa terra dissacrata

E senza fortuna

Dove le lacrime contano poco,

Non vedevi l’ora di partire,

Di lasciare tutto per i tuoi sogni. Sei andata via!

E mi hai lasciato solo a respirare.

Ora mi chiedo..

Se mai un giorno la tua speranza

Dovesse farsi nera o morire,

Non giocare da sola,

Smetti di pregare

E vieni da me,

Perché anche la mia speranza

Da quando sei partita

È rimasta sola.

Ricordati!

Lascia le tue cose,

Prendi il treno e vieni qui.

Sarà solamente questione di ore

Poi cercheremo insieme il paradiso,

Canteremo la gioia

Nella nostra terra……………
– Sono fuggita dalla mia terra

Ricca di vento,

Che spira da tutte le direzioni.

Vento! Se tu fossi d’oro,

Se tu fossi d’argento,

Non ci sarebbe bisogno

Di spasimare speranze:

O domani!

O musica nuova!

E la notte non…

View original post 45 altre parole

Quale futuro per l’ospedale di Policoro?

Onda Lucana

Quale futuro per l’ospedale di Policoro?

Tratto da:Onda Lucana® by Anna Carone

Montalbano Jonico: “Quale futuro per l’ospedale di Policoro? L’ospedale di Policoro, registra molte criticità: al pronto soccorso, per mancanza di personale, per limitazioni di servizi. La cosa preoccupa anche gli amministratori locali che comunque si fanno carico di sollecitare un intervento dei dirigenti dell’ASM , anche al fine di esorcizzare lo spettro chiusura che, comunque aleggia fra i cittadini. Un nosocomio importante al servizio del meta pontino, della collina materana e dell’alta Calabria jonica. E in tal senso anche il Sindaco di Montalbano Jonico, Piero Marrese, ha inteso esprimere le sue perplessità, contestualmente all’invito rivolto agli amministratori dell’ASM e all’Assessore regionale alla Sanità, affinchè provvedano tempestivamente a risolvere le criticità. “L’ospedale Giovanni Paolo II di Policoro, con i suoi validissimi medici- comunica il primo cittadino di Montalbano- rappresenta un punto di riferimento non solo per i cittadini…

View original post 276 altre parole

EQUINOZIO D’AUTUNNO-23 SETTEMBRE 2018:LA PROFONDA TRASFORMAZIONE DELLA TERRA — Cammina Nel Sole

Domenica 23 Settembre alle 3.54 luce ed ombra ancora una volta giocano nell’equilibrio dei tempi per lasciare il caldo di agosto e ricadere piano piano verso il buio che sarà a Novembre. Che tempo è questo? E’ un tempo in cui il “lasciar andare” e il “raccogliere” si alternano. Dagli alberi le foglie iniziano… via EQUINOZIO... Continue Reading →

TIENIMI CON TE

Onda Lucana

TIENIMI CON TE

Tratto da:Onda Lucana®by Antonio Lanza

Com’è triste e vuota questa vita

da quando dicesti con te è finita

tanti ricordi non più cancellabili

Sono tutti nostri, pur se terribili.

La luna sale tra le stelle tremule

l’infinito è suo senza una nuvola

sento una voce che mi sussurra ancora

sarai con me, quando spunterà l’aurora.

Tienimi con te come se fossi un fiore

cancella le paure quando scende la sera

stringi le mie mani voglio il tuo calore

tienimi con te ricorda il primo amore.

Tienimi con te, sai devi farlo ancora

Tanti momenti purché non sia un’ora

Attimi fuggenti, ricordi io ti chiamavo

Quanti sorrisi, sapevi che io ti amavo.

Sorgeva il sole, che giorno di colore,

per il primo bacio ti scoppiava il cuore;

ricordo al tramonto i tuoi occhi mesti

soffrivo anch’io, finiva la nostra festa.

Tienimi con te, immagina il mio…

View original post 117 altre parole

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: