Positano e Amalfi le perle della costiera Amalfitana

Sei triste…prova a

Creando Idee

La tecnologia è un’arma a doppio taglio. Rende la nostra vita più semplice, ma ci porta a fare il doppio delle cose, con un carico maggiore di stress. Quando non dormiamo, pensiamo o comunichiamo in continuazione. Lo stress, però, oltre a stancare il nostro organismo, intacca l’umore. Lucinda Bakken, ha individuato 5 metodi naturali per il nostro benessere mentale ed emotivo: Meditare all’aperto. Dedica i tuoi sensi ai suoni e agli odori della natura. Ricarica mente e spirito Portare a casa la natura. Perché non raccogliere piante,fiori, legni, conchiglie e rocce? Averli a casa ti permetterà di sentirti in contatto con la natura che ti circonda Imparare dalla luna. La luna insegna che esiste un tempo per ogni cosa e, ciclicamente, possiamo dare inizio a un progetto o a un cambiamento. Fa parte dell’ordine delle cose. Questo ti permetterà di allontanare il pensiero dalla preoccupazione e dirigerlo ai…

View original post 152 altre parole

LA SENTI QUESTA VOCE?

Onda Lucana

LA SENTI QUESTA VOCE?

Tratto da:Onda Lucana® by Angelo Ivan Leone-Docente di storia e filosofia presso Miur

In questo monologo che solo un titano come Volontè poteva interpretare degnamente si sente quella che Mitterand descrisse essere la voce del 18 brunaio (colpo di stato di Napoleone Bonaparte 1799) del 2 dicembre (colpo di stato di Luigi Napoleone 1851) e del 13 maggio (presa del potere di De Gaulle il 1958). Mitterand diceva di questa voce parlando proprio contro De Gaulle che, con la sua voce e la sua autorità, mise fine alla carnevalata del ’68 francese che duro solo un mese, il famoso, ma grazie al cielo non più radioso, maggio francese. De Gaulle, infatti, tornò da un viaggio nell’est Europa proprio alla fine di quel maggio e con quella voce che Mitterand vedeva nel modo che ho descritto dichiaro: “la ricreation c’est terminè” Alla lettera: “la festa…

View original post 168 altre parole

Parma,non è un simpatico esempio di “Democrazia”….

Onda Lucana

Parma,non è un simpatico esempio di “Democrazia”….

Certamente non sarà una bella figura quella espressa dal Presidente della Provincia di Parma, mostrando un post con il Ministro degli Interni a testa in giù.

http://parma.repubblica.it/cronaca/2018/07/30/news/

parma_presidente_della_provincia_pubblica_

post_salvini_a_testa_in_giu_-202986758/

Tratto da:Onda Lucana® Press

SALVINI.jpg Immagine tratta dal profilo del Ministro degli Interni

View original post

Spaghetti vongole e pomodorini con granella di mandorle e pistacchi

Onda Lucana

Spaghetti vongole e pomodorini con granella di mandorle e pistacchi

Tratto da:Onda Lucana®by Roberto Pomarico

Ingredienti per 2 persone:

  1. – 120 g. di spaghetti;
  2. – 10 pomodorini;
  3. – 500 g. i vongole;
  4. – 1 bicchiere divino bianco;
  5. – una manciata di mandorle;
  6. – una manciata di pistacchi;
  7. – oilio extravergine di oliva;
  8. – sale.

Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Roberto Pomarico 2018.jpg Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Roberto Pomarico 2018

Procedimento

Mettete a spurgare in una ciotola le vongole coprendole d’acqua, che cambierete un paio di volte. Lasciatele così per un’ora. In una padella con l’olio, fate soffriggere i pomodorini, lavati e tagliati a metà.

Aggiungete le vongole e il vino bianco, che lascerete sfumare. Intanto tritate grossolanamente, ma senza ridurli in polvere, i pistacchi e le mandorle, aiutandovi con un mixer. Lessate ,nel frattempo, gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli al dente e versateli nella padella con le vongole.

Mescolate e…

View original post 23 altre parole

Perché la paghetta agli insegnanti non ha funzionato? — Leonardo

Onda Lucana

[Questo pezzo è uscito ieri su TheVision]. Sono giorni convulsi in libreria. Molti stanno per partire per le vacanze, molti non chiuderanno le valigie soddisfatti se prima non saranno riusciti a infilarci venti chili di volumi freschi di stampa, da consumare sotto l’ombrellone. Ma non è questo il vero motivo per cui c’è una coda alla cassa. In nove casi su dieci la fila ha preso forma dietro un acquirente che ha chiesto se può pagare con la Carta Del Docente.

Il cassiere trattiene un sospiro. La Carta Del Docente, certamente, si accomodi. Ma a quel punto il cliente, un prof sulla cinquantina, deve: estrarre il cellulare, entrare nell’app che stampa i buoni, procedere con l’autenticazione, lagnarsi perché in quella libreria il cellulare non prende (fenomeno interessante e ancora poco studiato: molte librerie italiane sono angoli ciechi della rete satellitare. Forse perché sorgono in edifici storici; forse tonnellate…

View original post 625 altre parole

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: