L’albero più antico del Vecchio Continente ? Nel Parco Nazionale del Pollino. — venet’s

Se sei alla ricerca del mondo che rompe i record per quanto riguarda l’albero più antico del pianeta, gli esperti sostengono di andare al Great Basin National Park negli Stati Uniti e cercare un pino con un’età determinata ad essere un follower 5,065 anni.

Per quanto riguarda l’albero più vecchio d’Europa, viaggia nel sud dell’Italia, nel Parco Nazionale del Pollino.

Lì un pino di Heldreich o un  pinus heldreichii , soprannominato Italus, si è sollevato su una dorsale montuosa, a circa due ore di auto dalla città di Napoli, per circa 1.230 anni.

È probabile che possano esserci alberi più vecchi in Europa, ma a partire da ora i riflettori sono puntati su Italus, che, dopo un’approfondita datazione scientifica, è stato riconosciuto come l’albero più antico del Vecchio Continente.

La notizia è stata rivelata dagli scienziati in un articolo pubblicato sulla rivista Ecology il 16 maggio 2018.

 

Pinus heldreichii (Serra delle Ciavole). Foto: Potito m. petrone – CC BY-SA 3.0

Radicato in una foresta secolare, e ancora in piedi con il suo tronco ormai imbiancato, Italus sembra aver superato di gran lunga le aspettative per la sua età.

L’analisi, che è stata meticolosamente condotta da esperti, combinando diversi metodi, ha dimostrato non solo l’età estrema del pino ma anche che l’albero ha recentemente aggiunto nuovi anelli al suo tronco.

Per fissare l’età di Italus, gli esperti hanno affrontato alcune sfide, tuttavia.

Come coautore dello studio, Alfredo Di Filippo, ha dichiarato al National Geographic : “La parte interna del bosco era come polvere – non abbiamo mai visto nulla di simile”.

 

Monte Pollino, Italia meridionale Foto: patrina_io –
CC BY 2.0

Di Filippo, che è professore alla Tuscia, ha detto che mancavano almeno 7,9 pollici di legno, il che equivale a un numero considerevole di anni. In effetti, era la parte dell’albero che conteneva il più vecchio di tutti gli anelli che erano spariti.

Ecco perché il team di ricerca, guidato da Gianluca Piovesan, aveva bisogno di considerare diversi metodi per elaborare l’età del pino.

Per vedere quando l’albero ha iniziato a germogliare, il team ha usato la datazione al radiocarbonio sulle radici che sono state esposte, quindi ha confrontato gli anelli degli alberi nelle sue radici con quelli che sono stati campionati dal tronco.

“Con l’adesione di questi due metodi, siamo stati in grado di stabilire l’arco temporale in modo molto più preciso”, afferma Piovesan

Alla fine, un accurato calcolo è stato fatto che Italus è stato al suo posto dal 789 circa. Il Parco Nazionale del Pollino è stato istituito abbastanza recentemente nella lunga vita dell’albero, nel 1993.

L’anno in cui gli scienziati suggeriscono che l’albero è nato è stato interessante.

Filmati Drone di Badbury Rings, Regno Unito in 4K

 

Era il periodo in cui re Pipino d’Italia conquistò l’Istria, quando il re Carlo Magno giunse nel Baltico, e anche nel periodo in cui i primi vichinghi apparvero in Inghilterra, secondo la Cronaca anglosassone .

Questo è successo solo due anni dopo la prima incursione vichinga nel Dorset, il primo evento di questo tipo sulle isole britanniche.

Questi sono ormai eventi lontani nella storia, e Italus, di cui i ricercatori sono fiduciosi è abbastanza in salute da entrare nel quattordicesimo secolo della sua vita tra circa 70 anni, è da sempre un silenzioso osservatore della storia.

 

Pino di Heldreich Foto di Jirka Dl – Opera propria
CC BY-SA 3.0

E non solo la storia. Secondo il  National Geographic , l’antico pergolato è anche un osservatore silenzioso e sopravvissuto ai cambiamenti climatici.

Italus avrebbe sopportato i rigidi inverni, più freddi di adesso, che segnarono una parte significativa dell’epoca medievale, dopo di che continuò la sua vita attraverso periodi di temperature molto più calde ma anche di gravi periodi di siccità.

Un’analisi degli anelli degli alberi di diversi periodi indica che l’albero ha formato anelli molto stretti per un paio di secoli, mentre gli anelli più ampi sono il prodotto dei decenni più recenti, un segnale che attualmente vive in un ambiente più favorevole, secondo National Geografico .

 

Mappa 28. Distribuzione di Pinus heldreichii

Come sottolineato dalla squadra che ha lavorato al caso, intraprendere ricerche su alberi antichi è importante per fornire una conoscenza scientifica di come alberi e foreste nel complesso possano reagire ai cambiamenti climatici nel presente.

Essendo stato dichiarato il più antico albero scientificamente datato in Europa, Italo ha rubato il titolo da un altro pino di Heldreich; il precedente detentore del record, chiamato Adonis in onore dell’antica divinità greca di bellezza e desiderio, ha le sue radici in Grecia e ha 1.077 anni.

La sua età è stata determinata dagli scienziati nel 2016, un processo che, secondo quanto riferito, è progredito molto più facilmente rispetto agli ultimi sforzi di Italus.

L’Europa del Nord può essere orgogliosa di essere la casa del Vecchio Tjikko, un abete norvegese di circa 9.560 anni e considerato il più antico albero individuale al mondo.

 

Monte Pollino Foto di: Potito m. petrone – CC BY-SA 3.0

La ragione principale per cui quest’albero ha un’età così incredibile è la clonazione vegetativa; le stesse radici del Vecchio Tjikko hanno prodotto nuovi tronchi per oltre nove millenni.

Fonte: thevintagenews

via L’albero più antico del Vecchio Continente ? Nel Parco Nazionale del Pollino. — venet’s

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: